Pali in pino Silvestre
  • Image_20110912000000_Palitornitiescortecciatidipino.jpg

I pali provengono da foreste di pino silvestre del nord Europa dove crescono lentamente a causa delle temperature molto rigide. La crescita lenta delle piante fa si che la fibra del legno diventi particolarmente resistente. I pali vengono impregnati in autoclave, con dei sali conservanti, per non essere attaccati, per molti anni, da funghi e parassiti. La presenza di nodi non compromette la stabilit√† e la resistenza dei pali. Sono tollerate differenze di misura, che potrebbero presentarsi a causa dell’essicazione, fino a 2 cm sulla lunghezza e fino a 0,3 cm sul diametro. Inoltre potrebbero avere lievi curvature fino ad un massimo del 5%. Fenditure longitudinali riscontrabili sui pali torniti costituiscono una caratteristica tipica che non ne compromette la resistenza e la stabilit√†.
La presenza di resina e la cristallizzazione dei sali √® dovuta al sistema di fissaggio rapido dei sali stessi, i quali, quando si trovano ancora allo stato liquido, cristallizzano subito all’interno del legno. I pali torniti si prestano a molteplici usi, quali:recinzioni, staccionate, steccati, palizzate, contenimento scarpate. I pali spellati di pino nordico si utilizzano soprattuto per la piantumazione, impianti di vigneti e per la costituzione di filari in vivaio. Sono impregnati in IV classe RAL.